Il calendario lunare di febbraio. Ecco i lavori da fare tra orto e frutteto

E’ arrivato il momento di dare uno sguardo al calendario lunare di febbraio 2018, per capire quali sono i lavori di semina da fare. Questo mese è importante poiché ci permette di entrare nel vivo della progettazione e della preparazione del nuovo orto primaverile. Cosa importante per garantire, al momento opportuno, un raccolto abbondante e di elevata qualità. Febbraio, inoltre, è un mese significativo anche per via delle operazioni di potatura del frutteto e del giardino.

Vediamo, quindi, come procedere in maniera razionale, seguendo le fasi lunari e scegliendo il momento giusto per ognuna delle diverse attività da svolgere in questi giorni.
Diamo inoltre anche uno sguardo al calendario solare, con le ore di luce a disposizione che iniziano decisamente ad aumentare.

Le fasi lunari nel mese di febbraio 2018

luna nuova di febbraioCon questo nostro calendario online della luna, cerchiamo per prima cosa di capire come si evolvono le fasi lunari nel mese di febbraio. Vi ricordiamo che il calendario lunare completo del 2018 è disponibile al link evidenziato, dove potrete scaricarlo in formato pdf.

  • La luna nuova (novilunio) ha inizio il 15 di febbraio
  • , ciò vuol dire che fino al 14 del mese siamo in fase di luna calante.

  • La fase di luna crescente si avrà quindi a partire dal 15 di febbraio e durerà fino alla fine del mese, con il primo quarto che si compie il 23
  • In questo mese non si verifica la luna piena, che si avrà il 2 di marzo.
  • Calendario solare del mese di febbraio

    Nel mese di febbraio le giornate diventeranno sempre più lunghe, la primavera è ormai alle porte. Questo vuol dire che la vegetazione di alberi da frutto e ortaggi inizierà a riprendere forza, dopo il lungo periodo di riposo.
    Prendendo come punto di riferimento la posizione geografica della città di Roma, osserviamo come l’1 febbraio il sole sorgerà alle 7.23 e tramonterà alle 17.25. La lunghezza totale del giorno sarà di 10 ore e 2 minuti. Alla fine del mese di febbraio, gli orari di levata e tramonto si sposteranno rispettivamente alle 6.48 e alle 17.59. Il tempo totale di luce saranno di 11 ore e 11 minuti, più di un’ora rispetto all’inizio del mese.

    Tramonto di febbraio

    Le semine di ortaggi a foglia

    Durante il calendario lunare di Gennaio vi abbiamo consigliato di effettuare le prime semine dell’anno solo in semenzaio, riscaldato o protetto in una serra da balcone. Anche se il mese che abbiamo appena superato non è stato freddissimo, la nostra indicazione dovrebbe esservi tornata utile, in quanto per emergere i semi richiedono delle temperature che non scendano sotto gli 8-10 C°.
    Per il mese di febbraio ci attendiamo un possibile ritorno del freddo, almeno nella prima parte del mese. I terreni sono ancora molto freddi, quindi conviene utilizzare ancora la tecnica del semenzaio protetto, con alcune eccezioni che vedremo.

    Con la luna crescente è possibile seminare in semenzaio: lattuga romana e canasta,
    le altre varietà di lattuga,
    bietola, rucola, puntarelle, prezzemolo, basilico, scarola riccia, sedano, indivia liscia, indivia riccia, valeriana. Seminando in questa fase questo tipo di ortaggi, li avrete a disposizione per la messa a dimora in pieno campo verso la fine di marzo.

    Trapianti del mese

    Lattuga in semenzaio
    Lattuga in semenzaio

    Se invece queste semine le avete eseguite in gennaio, potete dedicare la seconda parte del mese, la fase di luna crescente, al trapianto delle piantine nell’orto.
    Svolgere questa operazione in questo periodo è conveniente per diversi motivi. Su tutti, sicuramente, andando incontro a un clima più mite avremo di conseguenza dei terreni meno freddi, e poi perché le giovani piantine del semenzaio beneficeranno della permanenza nella zolletta di terreno nel periodo di luna calante di inizio mese, dove rafforzeranno l’apparato radicale e saranno pronte per il trapianto.
    Se siete appassionati di orto saprete bene che quello della semina è un lavoro continuo, che si sussegue nel tempo. La tecnica del semenzaio si basa su questo principio: semino oggi per avere le mie piantine tra 30-45 giorni.

    Semina di ortaggi primaverili e piante aromatiche

    Se il clima della vostra zona in primavera è mite, potete iniziare già adesso a programmare la semina di ortaggi di una certa consistenza, come le cucurbitacee. A partire dall’inizio della fase crescente, si possono seminare in semenzaio protetto, o usando piccoli vasi del diametro di 12 cm, ortaggi quali zucchine e cetrioli. Questi saranno poi disponibili per il trapianto in pieno campo tra la fine di marzo e l’inizio di aprile.
    Sempre in un piccolo vaso, da tenere in luogo protetto dai ritorni di gelo, è possibile seminare le piante aromatiche. Tra queste segnaliamo salvia officinalis, origano, menta, timo, maggiorana.

    Semine dirette in pieno campo

    Semina degli spinaci in pieno campo
    Ci sono alcuni ortaggi più resistenti al freddo rispetto ad altri. Questi già ora possono essere direttamente seminati in pieno campo. Vi consigliamo di leggere l’approfondimento sulle tecniche di semina.
    Agendo in questo modo eviterete il passaggio in semenzaio.
    Per chi non l’avesse ancora fatto, si possono seminare in questo modo ortaggi a seme grosso. Con la luna crescente sono indicati i piselli, e i ceci. Con la luna calante è invece indicato l’aglio.
    E’ inoltre possibile seminare in questo modo anche ortaggi a seme piccolo. Con la luna crescente, ad esempio, possiamo seminare gli spinaci, la bietola e un’altra leguminosa, ossia le lenticchie.
    Mentre con la luna calante si possono seminare le carote precoci e i ravanelli.

    I lavori nell’orto del mese di febbraio

    Il mese di febbraio è l’ideale per dedicarsi alla preparazione del terreno per le lunghe colture primaverili ed estive.

    La vangatura

    In questa direzione il lavoro principale da fare è la vangatura. Questa, se ben fatta, dovrebbe interessare i primi 25-35 centimetri di profondità del terreno.
    Si tratta di un’operazione da fare quando il terreno è “in tempra”, ossia non è troppo seccato dal gelo né troppo bagnato da creare grosse e pesanti zolle durante la lavorazione. Scegliete quindi il momento adatto in basse alle condizioni climatiche dell’ultimo periodo. La successiva zappatura, prima di impiantare il nuovo orto, renderà il terreno più affinato.

    La vangatura regala alla terra diversi vantaggi, quali:

    • Arieggia lo strato superficiale, magari reso troppo compattato dal frequente calpestio
    • Aiutare l’eliminazione dei resti di vegetazione delle precedenti colture
    • Aumenta le capacità di drenaggio del terreno e favorisce una migliore penetrazione delle radici.

    La concimazione

    Dopo la vangatura si può procedere alla concimazione organica del terreno. In questo modo lo avremo pronto e ricco di elementi nutritivi per le colture primaverili ed estive.
    Il migliore concime organico in assoluto è il letame maturo, proveniente da allevamenti biologici. Molto spesso purtroppo è molto difficile da reperire e soprattutto trasportare sul nostro terreno. Una valida alternativa è costituita dallo stallatico pellettato, che potete trovare quistallatico pellettato.
    Altri tipi di concimazione biologica in questo periodo si possono effettuare utilizzando la cenere di legna (ottenuta bruciando legna non trattata chimicamente) e l’humus di lombrico.
    Un altro valido concime è il risultato del nostro compostaggio domestico.

    I lavori nel frutteto, potature e nuovi trapianti

    Nel mese di febbraio solitamente ci si dedica in maniera intensa al frutteto, in particolare con i lavori di potatura.
    Nella prima parte del mese, con la luna calante fino al 14, si possono effettuare le potature degli alberi da frutto. Alcuni di questi sono: melo, pero, susino, albicocco, kiwi, melograno, fico, kaki, gelso, pesco.

    Inoltre questo periodo è perfetto per la potatura della vite in luna calante e la potatura dell’olivo.
    Altro lavoro che si effettua in questo periodo, stavolta in giardino, è la potatura delle roseNon dimentichiamo, infine, che, sempre nel mese di febbraio è possibile arricchire il proprio frutteto biologico piantando nuovi alberi da frutto.
    Due cultivar che vale la pena di segnalare sono: il diffusissimo ciliegio e il meno conosciuto, ma interessante, pistacchio.
    Oltre agli alberi da frutto siamo in un ottimo periodo per piantare i frutti di bosco, quali: mirtillo gigante americano, fragole, ribes e lamponi.

    Potrebbe interessarti anche

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Approfondimenti