Il calendario lunare del mese di agosto

In questo articolo presentiamo il calendario della luna di agosto per capire bene come organizzare i nostri lavori nell’orto questo mese. Si tratta del periodo in cui la preparazione dell’orto autunnale entra nel vivo. Cerchiamo quindi di capire cosa e quando seminare seguendo le naturali fasi del calendario lunare.

Inoltre, bisogna anche tener presente che molte delle nostre colture estive sono nel pieno della produzione. Non dimentichiamoci infatti che agosto è il mese delle conserve (vedremo anche quali conserve fare).

Vediamo quindi quali sono i lavori principali da fare in questo periodo all’interno del nostro orto biologico. E cerchiamo di capire com’è meglio muoversi.

La luna di agosto

la luna di agosto
Partiamo subito con il calendario lunare del mese di agosto, che vede l’inizio delle nuove fasi lunari già nel mese di luglio.
Ma vediamo nel dettaglio il calendario con le diverse fasi che si susseguono.

  • La luna nuova, crescente, avrà inizio il 23 luglio
  • Il primo quarto si compierà il 30 luglio
  • La luna piena il 7 agosto, ed inizierà la fase decrescente
  • L’ultimo quarto si compie il 15 agosto
  • La prossima luna nuova si avrà a partire dal 21 di agosto

La luna di agosto ci suggerisce che tra la fine del mese di luglio e l’inizio di agosto bisogna procedere con tutte le principali operazioni di semina e trapianto. Precisamente dal 23 luglio fino al 7 agosto, giorno di luna piena.

Nella parte centrale del mese, si può approfittare delle ferie e del maggior tempo a disposizione per dedicarsi alle conserve. In particolare del pomodoro da sugo che di solito alla fine di questo mese è al massimo della sua maturazione. Si può preparare il sugo oppure seguire la ricetta dei pomodori secchi sott’olio.
Altre conserve molto interessanti sono quelle delle zucchine sott’olio, delle melanzane e del pesto di basilico. Sarà quindi necessario attrezzarsi per le conserve, procurandosi bottiglie e vasetti (che, se non avete, potete trovare quiVasetti per conserve). Ovviamente questi andranno prima sterilizzati con la bollitura.
Servono poi le attrezzature varie, quali torchi (trovare quiTorchio) o essiccatori (come questoEssiccatore).

Il calendario della semina e dei lavori nell’orto nel mese di agosto

Come abbiamo visto nel calendario della semina e della luna, il centro dell’estate rappresenta il periodo ideale per seminare o trapiantare gli ortaggi autunnali.

Il semenzaio di agosto

Calendario lunare- luna di agosto 2016 - semenzaio con seminiere in polistirolo
Semenzaio con seminiere in polistirolo
In semenzaio continua la semina dei diversi tipi di lattuga, scarola riccia e liscia, bietola, spinaci, radicchio, rucola, puntarella, finocchi, cavoli di bruxelles, cavolfiori, verza invernale, broccolo romano. Molto interessante in questo periodo può essere la semina in semenzaio di broccoli di rapa, varietà precoci, in quanto la semina diretta con il caldo di agosto potrebbe creare problemi ai piccoli germogli.
Si tratta di ortaggi che, in maniera scalare, ci troveremo pronti per il trapianto nel mese di settembre. E che, in sostanza, rappresentano il nostro orto autunnale.
Per il semenzaio si consiglia di utilizzare i polistiroli forati avanzati dalla coltivazione primaverile, che, se ben conservati, possono essere riutilizzati nel tempo.

Piantare in pieno campo

Luna di agosto-Calendario lunare agosto 2016- carota

Anche i trapianti in pieno pieno campo si possono effettuare con la luna di agosto crescente. In questa fase si possono iniziare i trapianti dei semenzai preparati a luglio. Le verdure a foglia, in particolare, trovano un veloce sviluppo in questo periodo. Inoltre, siamo nel periodo limite per quanto riguarda la coltivazione delle zucchine e dei cetrioli. Se trapiantati adesso inizieranno a fruttificare verso la fine del mese di settembre.
Interessante in questo periodo è la semina invernale in pieno campo della carota e della barbabietola rossa. Queste andranno seminate predisponendo delle aiuole con dei canali di scolo, per evitare i ristagni idrici durante l’inverno.

I lavori nell’orto nel mese di agosto

Nel mese di agosto siamo nel pieno della fase produttiva per molte coltivazioni. In particolare le solanacee come pomodoro, melanzana, peperone. Quindi dedicheremo maggiore cura alla protezione delle colture, specie dal caldo. Inoltre bisognerà badare alla regolarità dei raccolti e alla pulizia della vegetazione vecchia o in eccesso.
Attenzione in questo periodo agli uccelli e agli altri animali selvatici, attratti dai nostri frutti maturi.

Alcune colture saranno al termine del loro ciclo, bisognerà quindi rimuovere i residui di coltivazione non incorporabili al terreno. Bisognerà pensare anche alla raccolta e conservazione del materiale utilizzato (reti, pali, fili, tubi d’irrigazione).
Dopo la pulizia sarà necessaria un’immediata lavorazione del terreno. Questo per interrare gli scarti leggeri, la pacciamatura con la paglia e dare il tempo per la naturale trasformazione del tutto in sostanza organica.

Le raccolte del mese di agosto

Oltre agli ortaggi del periodo, molto interessanti sono le raccolte di alcuni frutti, che proprio ad agosto sono nel pieno o all’inizio della maturazione. Stiamo parlando dei classici fichi, con i quali si possono preparare delle gustose conserve. Ma anche dei fichi d’india, che dalla fine di questo mese iniziano a colorare le nostre campagne.
Per gli appassionati della raccolta di erbe e piante selvatiche, invece, siamo in un periodo ottimo per raccogliere bardana, borragine, tarassaco, portulaca e iperico.
Attenzione a quando camminiamo nei boschi, questo è il periodo più a rischio per quanto riguarda la presenza di vipere e zecche.

Difesa biologica delle piante

Come sempre, diamo un’occhiata alle strategie di difesa biologica delle coltivazioni. In agosto, favorite dai famigerati acquazzoni tropicali che oramai si verificano nel nostro Paese, sono frequenti le malattie crittogamiche. In particolare oidio e peronospora.

Nel mese di luglio, con il caldo più persistente, è più difficile che si presentino, ma in agosto il rischio è elevato. Il problema cui ci si trova di fronte è la difficoltà nella prevenzione. I trattamenti con il rame sono sconsigliati in piena raccolta, per via dei tempi variabili di carenza. Si deve intervenire con prontezza, al sorgere del rischio della malattia (prima di un previsto temporale ad esempio). Magari si può agire con una soluzione di bicarbonato di sodio, oppure, in via preventiva, con un macerato naturale come quello di equiseto, pianta che si trova in abbondanza in questo periodo.

Per quanto riguarda gli insetti, se da un lato vedremo meno afidi e ragnetto rosso, dall’altro presteremo massima attenzione alle cimici e alla dorifora della patata. Contro questi insetti bisogna agire sia con i preparati naturali (ortica e aglio) che con rimedi biologici più incisivi, come olio di neem o bacillus thuringiensis.
Ad agosto, poi, inizia a tornare alla ribalta la cavolaia, per la quale un rimedio naturale molto efficace è il macerato di foglie e femminelle di pomodoro.

Ora che abbiamo visto la luna di agosto e studiato il da farsi per il nostro orto, buon lavoro e buone vacanze. Anche se l’orto non va mai in ferie, ricordatevelo!



Potrebbe interessarti anche


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *