Teli per pacciamatura in plastica. Di cosa si tratta?

Nel precedente articolo abbiamo visto l’importanza della pacciamatura dell’orto, possibilmente fatta con materiali naturali. Ove questo non sia possibile, si possono utilizzare i teli per pacciamatura, alternativa economica ai materiali organici.
In commercio ci sono diversi tipi di teli per pacciamatura, adattabili alle diverse esigenze di coltivazione in relazione agli spazi coltivati. I più diffusi ed economici sono i teli in plastica con spessore ci circa 4mm, già forati a distanze diverse a seconda del tipo di coltivazione.
Si tratta di teli in plastica pensati appositamente per l’uso agricolo, e rappresentano un’alternata valida alla pacciamatura naturale (che ovviamente, quando possibile, è sempre e comunque da preferire). Il vantaggio di questi teli è sicuramente il prezzo, (a questo link potete farvi un’idea dei costi ed eventualmente decidere l’acquisto. E’ possibile però che recandovi in un negozio specializzato possiate ottenere un prezzo molto più basso rispetto a quello proposto nel link, poiché questo tipo di telo solitamente viene venduto al peso. Se non avete particolari urgenze vi conviene fare un tentativo, potrebbe valerne la pena), che generalmente è abbastanza ridotto rispetto alla pacciamatura con gli elementi organici. Un altra alternativa di cui parleremo tra poco è la pacciamatura biodegradabile.

Teli pacciamatura - pacciamatura spinaci con telo in plastica
Telo per pacciamatura in plastica su spinaci, forato a 20 cm

Teli per pacciamatura in plastica

Naturalmente i teli per pacciamatura vanno adagiati sul sistema d’irrigazione, con i fori posizionati alla giusta distanza dal tubo d’irrigazione, max 5 cm, in pre-semina, cioè prima di mettere le colture a dimora nel terreno.
Il telo va poi bloccato al terreno utilizzando un po’ di terra o, se volete essere certi di evitare inconvenienti, una serie di picchetti di ancoraggio (la spesa per questi picchetti non è eccessiva ed è chiaramente una scelta consigliata. A questo link potete trovare ottimi picchetti anti-infestanti che potete poi riutilizzare nel tempo senza problemi).
Quando parliamo di coltivazioni di una certa consistenza, come dicevamo prima, la soluzione di questo tipo di teli per pacciamatura risulta preferibile dal punta di vista economico rispetto alla pacciamatura naturale, anche se alcuni dei vantaggi dell’utilizzo di materiale del organico si perdono. Rimane infatti il problema dello smaltimento del telo in plastica, una volta esaurito il suo utilizzo, e soprattutto si perde l’apporto di materia organica nel terreno, che favorisce di volta in volta una crescita delle piante ottimale.
Ma resta comunque vero che a livello di efficienza il telo in plastica può arrivare anche al 95% del controllo delle erbe infestanti e ridurre l’apporto idrico migliorando l’umidità del terreno (per cui, intesa come soluzione alternativa è comunque valida).

Pacciamatura biodegradabile

La pacciamatura biodegradabile è una soluzione di compromesso tra la pacciamatura naturale e quello con telo in plastica. In buona sostanza è molto simile alla pacciamatura in polietilene, ma vengono utilizzati dei teli fatti in materiale biodegradabile, che quindi possono essere incorporati nel terreno a fine coltivazione, o quando non sono più riutilizzabili. Va comunque detto che, se il problema è il costo del materiale per pacciamare, questi teli biodegradabili non sono proprio economici, e forse il loro utilizzo può essere sostenibile solo in orti domestici di piccola dimensione. Ad ogni modo, qui potete farvi un’idea più precisa della spesa e valutare da voi
(d’altro canto se l’investimento economico è sostenibile noi consigliamo sempre la pacciamatura naturale).

Telo per  pacciamatura biodegradabile
Telo per pacciamatura biodegradabile

A questo sull’argomento pacciamatura dovremmo aver detto tutto. Ora non vi resta che scegliere la soluzione più adatta alle esigenze della vostra coltivazione biologica, tenendo presente o pro e i contro che vi abbiamo appena illustrato.



Potrebbe interessarti anche


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *