Il calendario lunare e della semina del mese di luglio

Rinnoviamo il nostro appuntamento con il calendario lunare e della semina per il mese di luglio del 2018. In questo mese sono molti i lavori da fare nell’orto, soprattutto per quanto riguarda la cura delle coltivazioni estive. Inoltre, luglio, è il periodo favorevole per iniziare a pensare alle semine dei prodotti autunnali e della tarda estate. Quindi è il periodo giusto per iniziare a ragionare sulla programmazione futura dell’orto.
Ma vediamo cosa ci dice la luna al riguardo, e cerchiamo di capire quali sono, per il mese di luglio, i giorni migliori per la semina
Se siete alle prime armi con questo argomento potete approfondire l’importanza l’importanza del ciclo lunare in agricoltura, dando un’occhiata ai nostri precedenti articoli.

Il calendario lunare di luglio

Il calendario Lunare
Le fasi della luna
Vediamo nel dettaglio il calendario lunare del mese di luglio, con le diverse fasi lunari che si susseguono. Tenere d’occhio questo calendario ci permetterà di entrare sempre più in confidenza con questo sistema suggerito dall’agricoltura biodinamica.

Così come abbiamo visto nel mese di giugno, anche luglio si apre con una fase di luna calante che durerà fino al 12 di luglio.

  • La luna nuova (novilunio) si compie il 13 di luglio, dando il via alla fase crescente
  • Il primo quarto del nuovo ciclo lunare si compie il 19 di luglio.
  • La luna piena di luglio la potremo ammirare il 27, giorno in cui inizierà una nuova fase decrescente (calante)

    Il calendario della semina e dei lavori nell’orto nel mese di luglio

    Calendario lunare-calendario della semina - finocchi in semenzaio
    Finocchi in semenzaio

    Nel mese di luglio è opportuno iniziare a pensare a cosa vogliamo trapiantare nel terreno ad agosto. Questo per programmare l’orto tardo-estivo e autunnale.
    Con la luna crescente e utilizzando la tecnica del semenzaio, è possibile iniziare a seminare lattuga, indivia, bietola, spinaci, radicchio, puntarelle, catalogna, cavolfiore, cavolo verza, cavolo cappuccio, cavolo nero, broccolo nero.
    Con la luna calante è invece consigliata la semina dei finocchi.
    Tutti ortaggi che in maniera scalare troveremo pronti per il trapianto nel mese di agosto. Proprio per questo rappresentano la base dell’orto autunnale.
    Per realizzare il nuovo semenzaio potete utilizzare i polistiroli forati che vi sono avanzati dalla coltivazione primaverile. Se ben conservati, questi, possono essere riutilizzati per anni.

    Per quanto riguarda invece i trapianti di luglio, in pieno campo, nella fase di luna crescente, siamo ancora in tempo per piantare dei pomodori tardivi con raccolta prevista a settembre, zucchine, cetrioli e fagiolini, che inizieranno a fruttificare nel mese di agosto. Inoltre possiamo trapiantare la zucca, la barbabietola (o carota rossa) e il peperoncino, tutto con raccolta tardiva.
    Con la luna calante invece siamo ancora in tempo per trapiantare porri e cipolle (link).
    In tutti questi casi, però, visto che siamo un po’ in ritardo, conviene trapiantare piantine già pronte, acquistate in un vivaio di fiducia. Ove, naturalmente, non aveste provveduto a delle semine, in polistirolo o in vaso, nel mese precedente.

    I lavori nell’orto nel mese di luglio

    Nel mese di luglio il vostro orto sarà nel vivo della sua fase produttiva. Ma l’attenta cura delle coltivazioni è necessaria per prendersi le giuste soddisfazioni. Soprattutto se pensiamo alla dura fatica delle giornate di lavoro sotto il sole cocente.

    È necessario, quindi, controllare continuamente le legature e il rinforzo dei sostegni delle piante più grandi, quali pomodori e melanzane. Bisogna fare pulizia continua dalle foglie secche o danneggiate. E, al bisogno, potrebbe diventare importante un’ulteriore pacciamatura naturale.

    Nel periodo di luna calante siamo nel momento ideale per eseguire altri tipi di lavori. Su tutti la potatura e il ringiovanimento delle piante. Per fare alcuni esempi: la melanzana può essere pulita dai rami più vecchi per lasciare spazio ai nuovi germogli. Con questa operazione allungherete la vita utile della vostra pianta, anche se per un piccolo periodo avrete meno raccolto.
    Stesso discorso per il pomodoro che, se ripulito dalle foglie fino ai nuovi palchi di fiori, avrà favorita l’allegagione dei nuovi frutti. Inoltre, su questa coltura, sarà necessaria la rimozione periodica delle femminelle, che potranno poi essere utilizzate insieme alle foglie, per realizzare un macerato naturale.

    Lotta biologica antiparassitaria

    In questo periodo, favoriti dal caldo, sono più probabili e numerosi gli attacchi dei parassiti, in particolare d’insetti quali:

    Sicuramente nel mese di luglio è necessario continuare con l’opera di prevenzione, utilizzando i macerati naturali a base di ortica, felce, aglio, equiseto, assenzio. Da sottolineare che proprio in questo periodo è più facile reperire la materia prima utile per realizzare i diversi macerati, vista la ricchezza della vegetazione, specie nei sottoboschi.

    Per meglio prevenire la presenza di parassiti, una buona idea potrebbe essere farne un uso alternato e combinato.

    Ulteriore raccomandazione, in questo senso, è l’irrorazione dei preparati nelle ore serali, dopo il tramonto del sole. Quest’accortezza è utile per evitare alle piante pericolosi stress idrici e per rendere più persistente ed efficace la cura biologica.

    Potrebbe interessarti anche

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

    Approfondimenti